Gaetano Immè

Gaetano Immè

domenica 1 marzo 2009

L'amico Gad e l'amico Chicco

C'era una volta una maschera che veniva definita " serva di cento padroni". Dispiace dovere spendere qualche parola per giornalisti come Lerner e Mentana, perchè non è mia abitudine parlare di pettegolezzi. Ma essere presi per i fondelli, con tutto il rispetto, proprio, come disse OLS , non ci sto, non ci sto, non ci sto, non ci sto......

Mi capita di vedere l'Infedele ed ascolto il pistolotto di Gad Lerner che difendendo Mentana tira giù una filippica contro la logica giornalistica di attaccare il somaro dove vuole il padrone, contro la logica di allinearsi politicamente dove vuole il proprietario.

Stimo sia Lerner che Mentana, ma devo dire che quanto a facce da culo, qualcuno è maestro.

Ricordo Lerner a LA STAMPA, quando faceva interviste stando direttamente in ginocchio davanti all'Avvocato. Andate a rileggerla e vedrete che poesia, Gianni Agnelli icona del terzomondismo marxista. Roba da farsela addosso. Poi Gad crebbe e militò a sinistra, a Lotta Continua e sfilava irsuto e rabbioso al griso " Agnelli! Pirelli! Fascisti gemelli!". Una chicca di coerenza.

Ai tempi poi di Tronchetti Provera, Gad venne a conoscenza ed ebbe la relativa documentazione di tanti incuici ed illecite attività di Telecom Italia in Brasile. Indovinate un po? Lui scelse la linea aziendalista, tacque su tutto pur di salvare il suo padrone ed suo ben pagato posto di lavoro. La smerdata la prese quando tutto questo venne fuori perchè scoperto da altri.

Una coscienza a comando, insomma. Ma prima, uno sguardo al portafoglio.

E Mentana? Semplicemente ha sputato nel piatto dove ha mangiato e si è ingrassato. Si schiera con l'aria della vittima del sistema, ma intanto si gode un milionario indennizzo. Alla faccia degli stronzi che credono a quel che dicono....

Gaetano Immè

Nessun commento:

Posta un commento