Gaetano Immè

Gaetano Immè

giovedì 5 marzo 2009

Usque tandem, Englaro, abutere patientiae nostrae?

Fino allo sfinimento, rispondo con pragmatismo. I nodi sono venuti al pettine. Beppino Englaro ha dimostrato che quel che pensavo di lui è vero. Certamente mi ha dato una delusione, ma la mia previsione era di tatto, quindi non mi sono sentito deluso più di tanto.
Ricordate ? Voleva il silenzio su di lui. Invece è lui che è sempre uscito dal silenzio per porre il suo nome sul piedistallo del sistema mediatico. Cominciò diciassette anni fà, ha continuato con una presenza a Porta a Porta asfissiante, a Matrix, a Che tempo che Fa, interviste, riunioni, conferenze stampa etc.
Ecco la sua ultima chicca: denuncie penali per diffamazione per tutti quelli che lo hanno considerato un assassino della figlia. Via con le carte bollate! Via con la sarabanda dei soldi che scaturiranno da queste denuncie. La carta bollata esercita su Englaro un fascino irresistibile.
A me, sinceramente, ha rotto. Anche se se ne uscisse con le solite minchiate ,tipo quella di Veltroni e della sua ricca pensione ( " la spendo tutta in beneficenza!"ma intanto se la intasca e poi vai a vedere dove la spende il furbacchione), che tutte le somme verranno utilizzate per costituire ed arricchire la Fondazione Eluana, aggiungerebbe meschinità a cattivo gusto. Faccia un po' lui. Per me lui resta quello che ha dimostrastrato di essere per diciassette anni.
Sperem che non me lo ritrovo al Parlamento Europeo !
Gaetano Immè

Nessun commento:

Posta un commento