Gaetano Immè

Gaetano Immè

mercoledì 14 aprile 2010

Emergency, La caduta, Pillole, Gli Epurati, Presidente Emerito! Magistrati!

Emergency e Strada

Una cosa è la cura dei feriti, anche se terroristi ( parliamo solo del Medio Oriente, per capirci ) , altra cosa è la contiguità , se non la vera e propria collusione , con questi ultimi e con le loro teocratiche ideologie. Questo blog si augura che Emergency esca a testa alta da questa brutta vicenda e soprattutto che i tre italiani tornino prima possibile a casa loro. Qualche responsabilità se la deve assumere pure il Times, che esce svergognato- non sarebbe la prima volta - dalla vicenda, ma resta il fatto incontrovertibile che la sinistra luce che ha investito, da tempo, Emergency ed il suo loquace fondatore non potrà essere sottaciuta. Insomma, lungi dall’aver mai condiviso i belluini furori ideologici di Gino Strada, ho sempre stimato il lavoro dei suoi medici ma ho sempre osservato con sospetto la sua abilità nel mobilitare circoli politici sedicenti democratici, noblesse aristocratica e parvenus assistiti, sedicenti artisti, comicanti , attorucoli, donne cannone, nani, ballerine, scribi e gente comune che ha bisogno di credere in qualcosa che sia fuori di se stesso. Oggi tanti, troppi italiani hanno bisogno d’altro: bandiere, slogan, fazzoletti bianchi, drappi viola, proclami, manifestazioni e un pacifismo bellicoso. Ma stona che, ca va sans dire, i comizi siano sempre contro l’America e contro l’occidente. Come è usuale in certi Paesi mediorientali.
Ma in Sudan, per esempio, dove pure Gino Strada ha messo in piedi con la sua benemerita e santa follia un centro chirurgico d’avanguardia – i disperati meritano il meglio, non certo i resti della tavola – non ho mai rilevato tanta irremovibile opposizione nei confronti del governo di Khartoum: ma lì, lo sappiamo, non c’è l’America, non c’è l’occidente, non c’è quel senso di colpa di cui tutti ( dai ricchi ai poveri) abbiamo bisogno per sentirci migliori in casa propria. Ma adesso scrivo mentre tre di Emergency stanno in un centro di detenzione afghana, accusati delle peggiori nefandezze. E bisognerà pur dire che almeno una delle accuse è palesemente infondata. Come possono, i tre, avere avuto un ruolo nell’assassinio di Adjmal Nashkbandi, se a quel tempo erano uno in Italia, uno in Sierra Leone, e il più giovane a completare un master a Londra? Restano, ed è un dato di fatto, almeno che non si sospetti la polizia afghana di averle introdotte lei medesima, le armi ritrovate nell’ospedale intitolato a Tiziano Terzani, a Lashkargah. Fossi il tenente Sheridan o il Detective Mc Rooney , direi che potrebbero avercele messe, le armi, uno dei sei afghani arrestati, o qualcun altro, e magari all’insaputa dei tre italiani. Complici, ignari o solo irresponsabilmente compiacenti ? Non è un mistero per nessuno che in quell’ospedale hanno spesso trovato riposo e cure i talebani, spacciatisi come vittime di fuoco incrociato. L’ostracismo di Emergency è , diciamo, squisitamente “ vestale” : non si entra nei suoi ospedali se si veste una qualsiasi divisa, che non sia quella falsamente civile dei talebani . Non è uno scandalo e bene hanno fatto medici e infermieri a curarli: questo è il loro compito. Ma non è neppure un mistero che l’ospedale abbia in passato affidato la propria sicurezza a chi avrebbe potuto poi , anche per ritorsione, minacciarla. Per esempio, al tempo del sequestro Torsello, responsabile della sicurezza era tale Rahmatullah Hanefi. Secondo alcuni, era l’unico a sapere che Kash avrebbe preso l’autobus su cui poi sarebbe stato sequestrato. Secondo altri, fu lui a portare la borsa zeppa di dollari che valse la liberazione di Torsello. Fu ancora Hanefi a mediare nel sequestro Mastrogiacomo, quell’impresentabile ed imbarazzante inviato di Repubblica, che tanto ci è costato. Mal gliene incolse, e venne trattenuto per tre mesi nelle celle della sicurezza afghana, che lo sospettava di un ruolo meno neutrale della mediazione. Grazie anche alle pressioni italiane , fu liberato. Restò per qualche tempo all’ospedale di Lashkargah, e ora non sappiamo dove sia. Il suo ruolo, di fatto, è passato al giovane Pagani, quello tra i tre arrestati che era alla sua prima missione. E’ ragionevole pensare che la partita, tra Emergency e il governo afghano, non fosse chiusa. Almeno quanto è ragionevole sospettare che, grazie anche alle denunce sulle violazioni dei diritti umani in cui l’infermiere Dell’Ara era impegnato, e grazie al passato di Hanefi, qualcuno potesse aver visto nell’ospedale un buon luogo per nascondere qualcosa. Chi la fa fuori del vaso, sporca tutto. O , meglio, chi la fa, l’aspetti. Detto questo, credo che ho detto tutto.

Resta solo da invocare, per accusa e difesa, un lavoro di prove, non di teoremi. Da parte afghana la manifestazione di decine di persone che invocano la chiusura dell’ospedale, in quanto minaccia alla sicurezza della provincia, lascia intendere una evidente resa dei conti che ha poco a che fare con una seria investigazione. Da parte italiana, è questione di idelogia, un sincero democratico non può averlo fatto. Eppure sarebbe l’occasione per chiarire le circostanze della morte di Adjmal Nashkbandi, quell’interprete di Daniele Mastrogiacomo - inviato irresponsabile di Repubblica – lasciato a morire ammazzato dopo la liberazione del giornalista italiano. Perché fu ucciso? Perché “ dopo” la così detta “ liberazione” del Mastrogiacomo? Fu ammazzato per rendere difficile la vita al governo afghano, che apparve dunque più pronto a darsi da fare per un italiano- un occupante - piuttosto che per un “ resistente” afghano? Fu “ sparato” perché testimone oculare di qualcosa che non ammetteva testimoni? Ammazzato per pura ferocia, senza scopo? E perché leggo sui giornali “ bene” italiani ( leggere Repubblica, leggere Corriere della Sera, leggere La Stampa, leggere Il Fatto,ecc) che tutti gli arustici dei nostrani “vati” e “ profeti” puntano solo sull’ultima ipotesi ? Perché mai trascurano le altre due ? Vorrei chiedere ad Emergency ed al Dottor Gino Strada di farla finita ora, di cucirsi la bocca , di curare i feriti e basta. Il giuramento di Ippocrate non prevede forse proprio questo e solo questo? E allora? Perché parla tanto? Perché continua a fare la guerra all’Occidente come a curare i feriti? Che forse non si può solo fare la seconda attività senza intrufolarsi per vanagloria nella prima ? Sorge il dubbio che Strada parli come parlerebbe un Presidente del Consiglio di Amministrazione di una qualunque Società per azioni in Italia: per conto e nell’interesse dei suoi azionisti, ergo, dei suoi mandanti, insomma di chi finanzia tutto l’ambaradam di Emergency. Perché mi risulta strano che Strada strilli in Afganistan contro Karzai e l’occidente, ma taccia scrupolosamente in Sudan, dove avrebbe ben altro da urlare contro chi calpesta diritti e vite umane. Ma forse esistono anche feriti di serie A e feriti di serie B ? O guerre di serie A e guerre di serie B? Perché poi, se ci riflette un attimo, dicano quel che vogliono Gino Strada ed i suoi supporters, il risultato di tutto questo è che oggi una regione dilaniata dai talebani, come l’Afganistan, conta su un ospedale- e che ospedale - in meno. Bellissimo risultato. Grazie a Gino Strada.

Ma nessuno giornale, nessuna televisione si degna di parlare del Dottor Alberto Cairo. Da venti anni dedica la sua vita ai corpi straziati dalle mine degli afgani, senza fare politica, sernza fare guerre contro nessuno che non sia il male corporeo di chi rimane vittima della guerra, senza chiedere appartenenza politica o altro. Tornate su questo blog per conoscere Alberto Cairo. Andate su Internet e chiedete chi è il Dottor Albero Cairo. Altro che Gino Strada, altro che Emergency.

La caduta

Se il Fondatore di Repubblica, il " vate" per antonomasia, per tenersi ben stretta la sua coorte di affezionati lettori, anzi , diciamo la pura e sacrosanta verità ed usando termini corretti, di suoi ipnotizzati adepti , è ormai costretto a scrivere, riguardo ad una carica istituzionale come quella del Presidente del Consiglio dei Ministri, cose carine come " un bugiardo " o " una persona dissociata ed afflitta da disturbi schizoidi", la strada che ci sta di fronte quale sarà mai? E siccome si dovrebbe dire :" a brigante, brigante e mezzo!", allora ci aspettiamo che, irato ai patri numi per essere stato, come al solito, ignorato da tutti ( meno che dai suoi ipnotizzati seguaci ), quel Vate arrivi al suo porto naturale, alla sua baia ultima : allo " sto fijo de 'na mignotta!" magari scagliato , da una terrazza romana, sorseggiando fluts di brut ghiacciato, accarezzandosi la bianca barba paradisiaca, anche contro, perchè no?, la prima carica dello Stato. Mancano gli argomenti, abbondano le miserie dell'uomo. Guarda tu il PD! Per non parlare del democraticissimo Gad Lerner! Il 5 scorso al suo Infedele, la sua perla " La Lega ce l'ha duro! Per questo le donne lo votano!" Traduco per i lobotomizzati: le donne che votano il centrodestra sono tutte mignotte in cerca di membri duri e basta. E' proprio democrat questo Gad Lerner. Non solo hanno disastrosamente perso le regionali, non solo stanno perdendo dopo la bellezza di sessanta anni anche la Valle D'Aosta (perchè l'Unione Valdotaine sta scaricando un impresentabile PD ) ma hanno ora perso anche alcune roccheforti storiche: prendi Mantova, persa dopo la bellezza di sessantaquattro anni di amministrazione rigorosamente rossa, prendi Vibo Valentia, prendi Comacchio rossa da sempre ed oggi per la prima volta del centrodestra, prendi Tivoli, prendi Pomigliano d'Arco, una volta enclave dei problemi operai metalmeccanici per dire, tutte passate al centrodestra. Poi guarda anche i fortilizi rossi che stanno ormai per abbandonare del tutto il centrosinistra: guarda ad esempio una Macerata, fortilizio rosso da una vita con percentuali non bulgare ma addirittura sovietiche, dove ora il centrosinistra ha vinto ma è ormai ridotto al 50%, guarda Cologno Monzese, guarda anche Gioa Tauro, che è tutto dire. Oggi come oggi, il PD è ormai in bilico persino a Bologna, dove si voterà tra non molto il dopo Delbono, la rossa Bologna per antonomasia ed a Torino, dove si voterà nel 2011. Insomma, più perdono e più insultano. Come lo spot di Aldo, Giovanni e Giacomo!


Pillole

In Ungheria, dove hanno ben conosciuto il comunismo, le sue follie, le sue nomenclature, il suo stato di polizia, la sua dittatura, dove dovrebbe dunque essere fertile il terreno per una sorta di abbraccio cattocomunista ad una internazionalizzazione del Paese, bene proprio lì , invece, il desiderio di sicurezza contro l'invasione dei clandestini extracomunitari, la esplodente repulsione per ogni forma istituzionale e sociale che possa anche lontanamente ricordare il passato regime, ha portato al potere l'estrema destra. Che gli estremismi siano sempre riprovevoli siamo d'accordo. Ma una ragione a questa reazione che non sia solo belluina, ci sarà pure.



Spero che ora ogni persona normodotata abbia finalmente ben capito chi siano questi " paladini della libertà", tipo, faccio un esempio il Francesco Saverio Borrelli. Per loro la " libertà" vuol dire solamente fare i propri comodi ( Prezzolini dixit) , guadagnare sempre bene e, sopratutto, vuol dire che " esisto solo io ". Guarda tu, dicevo, Borrelli, il " famoso" capo del Pool Mani Pulite e coscienza sporca ( ricordate quel piccolo particolare , di come quel Pool a quei tempi non indagò sul PCI perchè " poteva non sapere", mentre sterminò col kalascikov giudiziario-politico tutti gli altri partiti proprio perchè " non poteva non sapere"), quello del " resistere, resistere, resistere "? Ormai attempato, ormai ben pensionato ( sui seimila e passa al mese , mica come un lavoratore qualsiasi che se arriva a milletrecento è grasso che cola), scadendo il suo Mandato a dirigere il Conservatorio di Milano, invece di star zitto e farsi da parte - ci sono anche i giovani a questo mondo - e godersi il ...maltolto ( pensioni di tal fatta sono uno sputo in faccia a tutti i lavoratori di questo bel Paese ), chiagne e fotte. " Non mi rinnovano il contratto, perchè le mie idee politiche sono scomode...". Ricordate Alberto Sordi, ricordate quel famoso:" Ma ce l'hai una casa? Ma vattene a casa!".

Vi devo confessare che detesto Le Jene. Da pochi giorni. Da quando questa banda di omuncoletti , mantenuti alla grande da un imbarazzante Italia 1 , ha girato una schifezza di filmino ai danni di un prete, pedofilo, utilizzando come esca un attore, nella parte di un gay minorenne. Il prete ci ha provato, era ovvio. Se costui era un pedofilo assodato, cosa avrebbe dovuto fare ? In altre parole, mi chiedo: a che cosa è servita tutta quella miserabile messa in scena? Se doveva servire a provare che la pedofilia è rintanata nelle comunità ecclesiastiche non ve ne era bisogno, perchè questo lo sapevamo tutti, Procure comprese. Se invece doveva servire a scoprire quel prete, mi chiedo e chiedo alle Jene: perchè allora avete tacuito le generalità del prete pedofilo? Siete solo degli squallidi avvoltoi che sguazzate nella cacca e nel dolore pur di produrre un servizio che attiri morbosamente il pubblico. Posso dirvelo con franchezza ? Mi avete fatto ribrezzo! Avete speculato per pochi soldi su una malattia, su un orientamento sessuale, su una diversità , come dei fascistoni da quattro soldi. Verognatevi.


Gli epurati

A proposito di martiri della libertà epurati ma sempre in video ( mistero non della fede ma della cretinaggine pura) , parliamone un poco di queste presunte epurazioni. Comincio con un sorriso e poi passeremo ad argomenti seri. L'ultima Martire , la Busi, il 4 aprile del 2010 leggeva il TG1 e pronunciando il nome di una scuderia inglese, la Red Bull, ha detto " Red ball"( come scritto). Ancora tempo addietro, ricordo un'altra " busata " , perchè lesse il termine " media " ( ricordo che media deriva direttamente dall'aggettivo latino " medius/a/um" che significa " mezzo") con un bellissimo " midia", all'inglese. Degno della sua sciocca quanto gratuita prosopopea. Lei grida all'epurazione perchè il Direttore, rientramdo il tutto nei suoi poteri ordinari, la sostituisce nella lettura con giovani leve, intanto un altro Direttore, quello di TG3, al secolo Bianca Berlinguer, sempre avvalendosi degli stessi ordinari poteri di Direttore del TG3, assume senza concorso alcuno come lettore del TG3 il marito della Busi stessa. Aveva proprio ragione Prezzolini quando diceva che per molti italiani, evidentemente Busi compresa, la libertà significa solo fare i propri comodi. Parliamo ora di epurati e intendiamoci subito. Si autodipingono come " epurati ", come " vittime dell'ostracismo berlusconiano", gente che , però, la trovi ogni giorno in video. Santoro, leader dei sedicenti epurati, da sempre in video a dispetto anche della sacra ( una volta!) Par Condicio e grazie ad un Tribunale del Lavoro, su tutte le televisioni, Floris, Gabanelli, Fazio, Lerner, Celentano, Cozza, e via. Non vedo persone scomparse ed epurate, vedo solo dei grossi approfittatori della credulità popolare che si autodefiniscono tali ma stanno sempre, come Ercolino, in piedi e davanti alla telecamera. Invece, Aldo Busi, cos'ha mai fatto Aldo Busi? Perchè Aldo Busi è stato veramente epurato dalla TV di Stato ? Sapete chi è Aldo Busi. Un uomo colto ed intelligente, uno che scrive roba seria: non è Moccia, non è Baricco, non è Trabucchi, Busi non ha mai minacciato di voler lasciare l'Italia perchè si vergogna di questo Governo, non è Veltroni che scrive di tutto, anche di cinema,non è Bocca, che come la bocca può dire ciò che vuole tanto nessuno se lo fila, non prende Premi Streghetta, non è Saviano, non è nemmeno un professionista della mafiologia quale Camilleri, ma è stato cacciato a calci nel sedere e con ignominia dalla televisione pubblica, anzi dall'Isola dei Famosi, per avere detto queste parole: che la Chiesa è omofoba. Apriti cielo! Ma come si permette, come osa, che parole sono mai queste? Chiarisco: Santoro può dare voce ad una puttana, ad un mafioso che sia Ciancimino Jr o Spatuzza, Travaglio può dire in televisione che lo Stato Italiano è uno Stato mafioso, fatto e composto da mafiosi e nessuno dice nulla. In compenso su Aldo Busi cala un assordante silenzio della società civile , un silenzio ridanciano, che gli rimprovera anche la sua diversità di omosessuale come fosse una Luxuria o una Platinette qulasiasi ( è anche colpa del suo apparire ), Busi è in verità l'unico vero epurato dalla televisione di Stato per di più per un reato che altro non è che un reato di opinione. Aldo Busi, Signori, è l'unico censurato in Italia da una televisione ignobile, dove trionfano i famosi dell'ignoranza più crassa, dove trionfa una Simona Ventura o una Marcuzzi Alessia le quali lanciano ai giovani precisi messaggi , quale: che studio a fare se mi basta una comparsata in televisione per star bene per tutta la vita? Ma Busi, l'omosessuale scomodo, lo scrittore superbo, l'uomo di cultura abbassatosi ( sempre colpa sua) al livello di un tronista di periferia pur di andare all'Isola dei Famosi, via, radiato. Dalla Televisione delle Simone Ventura, delle Alessie Marcuzzi, delle Gabanelli, dei Santoro, dei Celentano. Ma perchè non radiano i culi gonfi e le tette alla Marini o le labbrone tipo canotto di tante bambolone da letto? Busi è stato radiato dalla televisione perchè non ha partito politico che lo difenda. Nè una corporazione, come l'Ordine dei Giornalisti. Non vi ricordate di tutto quello sdegnato sfilare per Roma contro la minaccia alla libertà d'informazione perchè Berlusconi aveva querelato Repubblica e L'Unità? Per Busi, nessuno ha fiatato, men che mai un finto martire. E pensare che se mi guardo intorno, nel mondo intendo, perchè l'Italia è sempre un Paese a parte, che devo dire allora democraticissmo, anzi addirittura comunista, Presidente del Brasile, Lula, che ha fatto " licenziare"( lì in Brasile, terra comunisteggiante e battisteggiante non esiste nessun articolo 18 e nessuno Statuto dei Lavoratori) gente come Boris Casoy, Joelmir Betting ed altri, illustri giornalisti colpevoli di aver criticato la politica economica del Governo e la dilagante corruzione. Che dire poi del fatto che il giornale più importante del Brasile, " O Estado de Sao Paulo", è coperto da censura dalla bellezza di 25o giorni perchè non deve pubblicare alcuna notizia su tale Fernando Sarney, filgio del Presidente del Senato Brasiliano e compagnuccio nel PT ( il Partito dei lavoratori brasiliano) di Lula?



Pillole di attualità

La pura follia fascistoide è quella messa in mostra da Il Fatto Quotidiano, quello che afferma di non incassare contributi statali, ma poi ne incassa più di trecentomila l'anno, quello scritto a quattro mani da Padellaro e da Travaglio. Duri e Impuri !E' evidente a tutti che gli " estremi si toccano". Così sono contigui fascismo e comunismo, sia perchè il primo deriva dal secondo (almeno in Italia, vedi voce Livorno 1920 ), sia perchè molti partono dal primo e approdano al secondo o partono dal secondo ed approdano al primo. Guarda tu Travaglio, per esempio, partito da una sacrestia e finito in una macelleria. Ora anche Marchetto nostro sta chiudendo il suo circoletto, cerca di tornare a casa e vorrebbe stare vicino a Fini. Forse hanno fatto un bel giretto entrambi! Dunque, torno al fatto: su quel foglio Roberto Scarpinato, noto P.M. " de sinistra" fa , non richiesto, un esame politico del nostro Paese e chiude con una bellissima e democratica chiosa. Eccola: " L'Italia ha bisogno di essere salvata da se stessa e dalla sua maggioranza (ndr: che vota centrodestra ). E potrà essere salvata solo da una minoranza evoluta, quella che forma la Corte Costituzionale e la Magistratura." C'è bisogno di commento?



A proposito di Magistrati, a proposito di casta. Ricordate quel Magistrato di Milano che era preciso e puntuale nel ritirare lo stipendio ( e che stipendio !) ma aveva altro da fare che lavorare? Ricordate la storia esemplare di Giuseppe Maria Blumetti, Magistrato della Sesta sezione civile del Tribunale di Milano? Una separazione tra coniugi iniziata con lui nel 2001 era ancora in essere nel 2008. Finchè l'Avvocato di parte si rompe e parte l'esposto al CSM. Questo Magistrato non aveva fatto nulla per la bellezza di sette anni. Roba da non crederci. Ma cosa credete, che il CSM l'abbia ripreso? Che il CSM l'abbia redarguito? Che il CSM l'abbia punito?
Ma quando mai! Giuseppe Maria Blumetti è stato assolto dal CSM perchè era depresso. Era stato abbandonato dalla moglie. Prego di non ridere, restate seri. C'è un'altra notiziola a proposito di Magistrati. Ricordate la storia di Edy Pinato? Processo troppo lungo e lo Stato deve risercire con 24.000 Euro i familiari di un capomafia. Chi paga? Noi, ca va sans dire.


Della serie, sparala più grossa che puoi. Imbarazzante Annozero del 13 aprile scorso. A proposito dei bambini tenuti a pane ed acqua. Santoro, l'Imam degli epurati, ha chiamato l'unica mamma che non aveva ricevuto il sollecito al pagamento da parte dell'Amminsitrazione. E' falso che i bambini sono stati tenuti a pane ed acqua. A panini certo. Non hanno usufruito della mensa ( non comunale) perchè tale servizio è gestito e pagato da una associazione di famiglie. Una cosa privata. Un genitore, extracomunitario, ha detto: " Sono senza lavoro da un anno. Ho quattro figli e pago 400 euro al mese per l'affitto. Non ce la faccio a pagare anche la mensa". A parte il fastto che ci dovrebbe dire, se glielo chiedessimo, come ha fatto a tirare avanti per un anno senza lavorare, ci deve invece dire perchè non si è rivolto al servizio Comunale di Assistenza. Forse perchè, se lo avesse fatto, avrebbe certo ricevuto un aiuto, ma sarebbe venuto fuori che lavorava a nero. Capito Santoro?

Io la trovo una grande presa in giro, altro che nuova era del cavolo. Parlo del Trattato sul disarmo nucleare, strombazzato da sinistra come stratosferica vittoria dell'Obama Nobel . Signori, è tutta una farsa, tutta una cagata pazzesca. Sentite: il mondo è più sicuro perchè Usa ed Russia riducono le loro armi nucleari del 30%? Ma de che? Questa " megastronzata" riduce solo una cosa, questa: il mondo può essere distrutto solo 13 volte invece di 23 volte ? Si deve arrivare a che tutti i Paesi non abbiano più armi nucleari, altre che baggianate. Perchè , allora, io mi chiedo se sia proprio giusto pretendere che alcuni Paesi non abbiano le loro armi nucleari. Insomma, se l'equilibrio nel possesso delle armi di distruzione di massa è la garanzia della pace mondiale, allora perchè non hanno dato il Premio Nobel per la pace alla bomba atomica, invece che ad Obama? E perchè le vogliono " limitare" per altri Paesi ? Se il concetto che passa è : più bombe atomiche a più Paesi, mondo più sicuro.


Volevo avvertire il Sindaco di Verona, Flavio Tosi , che essere un fan di Sandro Pertini come Presidente della Repubblica, come lui dichiara di essere, non depone a favore quanto meno della sua conoscenza di alcuni fatti , fatti che ora mi piace rammentargli . Dunque caro Tosi, Sandro Pertini - sul quale questo blog ha scritto molto nei giorni passati - appena eletto al Colle, prese la decisione di concedere la grazia ad un assassino conclamato, a tale Marco Toffanin. Costui , un partigiano comunista, era nelle patrie galere perchè aveva fatto a suo tempo trucidare la brigata partigiana Osoppo, solo perchè era contraria a cedere la regione friulana a Tito. Sandro Pertini, come Presidente della Repubblica Italiana, volle anche andare in Jugoslavia per abbracciare quel fior di galantuomo di Tito. Sempre Sandro Pertini , quale Presidente della Repubblica italiana, si rifiutò, una volta andato a Trieste, di deporre anche solo un fiore sulle foibe di Basovizza. Conoscere meglio la storia , per capire i propri errori.


Presidente Emerito, Carlo Azeglio Ciampi

Su Il Messaggero di giovedì 8 aprile , l'emerito (?) Presidente Ciampi Carlo Azeglio ha scritto un lungo editoriale dal titolo:" Ma noi cosa siamo stati capaci di dare ai nostri giovani?" . Nell'articolo l'Emerito afferma di aver sempre lavorato per tramandare ai posteri un forte ed avvolgente valore civile , grazie, a suo dire, al binomio inscindibile istituzioni-valori. Insomma una sorta di autoelegia masturbativa, zeppa di così tanti lantifascismi, resistenzialismi, valorismi, egualitarismi da far rigettare anche il più insensibile dei lettori. Mi permetto di rispondere all'Emerito Signor Presidente come segue. Illustrissimo ed Emerito Signor Presidente, l'Italia che Lei ed i suoi sodali ci avete tramandata gliela posso così sintetizzare. Voi avete distrutto la Scuola, l'avete sodomizzata, l'avete okkupata e trasformata in uno stipendificio che ha mantenuto e mantiene ancora una pletora di Professori ignoranti, di laureati con il diciotto politico, sessantottini falliti, che sanno solamente - aiutati da onnipresenti sindacalisti - cosa spetta loro di diritto , senza conoscere quali siano i loro obblighi. La Scuola nella quale Lei ed i suoi sodali mi avete fatto insegnare per tanti decenni , dal sessantotto in poi, è questa che ho descritto. Un miserabile lerciume. Libri di testo che hanno insegnato a mettere sul banco degli imputati solo gli Usa e la Nato, come corifei di un liberalismo anarcoide e imbecille, ignorando che gli Alleati ci hanno liberato dai nazifascisti e che ci hanno protetto , con il loro sbarco, dall'impero sovietico in agguato , al quale l'orgia comunista voleva consegnarci . Una Liberazione dipinta come una sorta di Madonna Pellegrina vergine e martire, dovuta non alle numerose truppe degli alleati, ma ad uno sparuto gruppo di eroi asserragliati nella montagna. Ho conosciuto Professori ed anche Presidenti della Repubblica, Emeriti e non , che arrivavano al puro orgasmo carnale al solo avvicinarsi del 25 aprile. All'Università, poi, avete fatto il capolavoro. Ogni Laurea, sempre aperta a tutti, sopratutto a chi non studiava ( meglio se diceva che la società era ingiusta ) ( mi dica Lei, Emerito Presidente, cosa c'entra la Società con gli esami universitari?), creava un robottino che non conosceva la parola " merito", ma solo la parola " posto fisso". Poi venne finalmente il 1989, cadde il Muro di Berlino, cadde il Comunismo, venne sconfitta l'ideologia marxista che aveva regnato sull'Est con la dittatura e che aveva , come dire, allevato ideologicamente anche la sua città, Livorno, dalla quale Lei proviene certamente non poco " contaminato" da tale brodaglia idelogica labronica. Tuttavia Emerito Presidente, Lei ed i suoi sodali avete brigato molto per far sopravvivere a quella storica caduta , tutti i peggiori rimasugli dell'anacronistico delirio collettivo che avete imposto al mio Paese per decenni e decenni . La " concertazione sindacale", il " posto fisso " , le " lotte sindacali " e Lei, Esimio ed Emerito Signor Presidente, ha avuto in tutto questo trionfo dello statalismo di stampo sovietico un ruolo di primaria importanza e responsabilità. Era Lei, lo ricorderà certamente, niente meno che Governatore , nonchè uomo politico della Dc " de sinistra" , di quella Banca d'Italia che , dietro le sue direttive, stampava carta moneta in quantità industriale, per mantenere clientelismo con l'inflazione gli ultimi maleodoranti rigurgiti di tutto questo scempio ideologico. In questa sua preziosa opera, Esimio ed Emerito Signor Presidente, Lei si distinse, fra le altre cose, per la produzione o la sua concreta collaborazione alla creazione di tutta una serie di Leggi che bollavano gli italiani tutti come dei miserabili idioti. Parlo solo della sua perla, della Legge sulla Par Condicio, Illustre ed Emerito Signor Presidente, della Legge più vergognosa al mondo per un popolo formato di persone pensanti e non di ipnotizzati lobotomizzati quali sono stati ritenuti da Lei e dai suoi sodali gli Italiani, parlo anche della sua fattiva collaborazione nel rubarci ( non voglio certo offendere, ma mi creda non trovo altro termine per qualificare quel furto di Stato ) il cinque per mille dei nostri risparmi in Banca di nascosto e nottetempo, come un ladruncolo o quando parlo della sua preziosa collaborazione per agevolare il Prof. Prodi nell'accettare, inchinato e prostrato verso Germania e Francia, un cambio Lira-Euro pari quasi al doppio di quello che sarebbe stato giusto e doveroso. Grazie di cuore da tutti i pensionati italiani e da tutti i lavoratori dipendenti, che si sono così trovati in mutande , con metà potere d'acquisto da consumare in un mercato che , nella vostra più totale ignavia , decretava l' immonda equazione 1 Euro uguale 1.000 vecchie Lire . Quel popolo di lavoratori e pensionati italiani che da allora ( da allora Emerito Signor Presidente e non da oggi, come Lei ed i suoi sodali volete farci credere ) non da oggi, non riescono ad arrivare non dico alla quarta, ma neanche alla terza settimana. Poi, illustre Signor Presidente, sulla scena politica apparve un imprenditore milanese che ha sconvolto la oleosa e maeodorante ragnatela clientelistico-politica nella quale ci avete fatto miserabilmente vivere per quasi cinquanta anni. Avete subito cercato, Lei ed i suoi sodali, di toglierlo di mezzo con ogni mezzo, lecito o meno, ma non c'è stato niente da fare. Solo questo piccolo grande uomo ha avuto il coraggio di farci capire che esisteva in Italia una forza nascosta ma capace di liberarci dall'opprimente dittatura della lobby cattolico-comunista, solo lui ci fece capire che la Magistratura aveva di fatto okkupato illegalmente il Parlamento e che il golpe giudiziario doveva essere abbattuto ripristinando la Costituzione là dove era stata lacerata e ferita da Magistrati e politici collusi al golpe, solo lui ci dimostrò che la Carta Costituzionale , che Lei , emerito Signor Presidente , ed i suoi sodali avevate sfruttato per cinquant'anni per accaparrarvi ogni posto, ogni sediola, ogni strapuntino, era in realtà una Carta ormai obsoleta, stantìa, da modificare per rimettere in moto il Paese, solo lui mostrò al mondo intero che la Magistratura aveva instaurato in Italia una sua dittatura corporativa riuscendo, con Lei molto compiacente ( ricorda il suo comportamento in quella tragica circostanza, Signor Presidente?) nel 1994 ad abbattere, con accuse poi rivelatisi sette anni dopo nel 2001 del tutte false, la democrazia basata sulla volontà del popolo sovrano, solo lui ci rese chiaro che avete cercato , Lei ed i suoi sodali, di trasmettere al Paese ed agli Italiani il principio , totalmente fascista , che il Governo del Paese spetti alle Procure , non elette, anzichè alla votazione popolare, sostenendo anche , tramite molta stampa a Lei vicina e contigua - financo su quel Messaggero sul quale Lei oggi ci fa dono delle sue onorevoli chiose - come spetti ad una minoranza intellettuale ( quella dei Magistrati) salvare l'Italia dalla maggioranza - stronza, scema, ignorante, rozza, sudata, malvestita , ignorante, demente,ecc - che vota contro di voi. Ma quel piccolo grande uomo, che poteva campare da signore senza scendere in politica e che di fatto ci salvò dalla sicura vittoria del PCI occhettiano e dalemiano nelle elezioni del 1994, che poteva godersi i suoi miliardi senza mettersi nell'occhio del ciclone politico , che poteva continuare a vivere come gli pareva , senza nessuna delle 250 inchieste che questa immonda Magistratura gli ha sollevato contro ( ma " solo dopo" - guarda caso!- la sua discesa in campo politico ! ) ha resistito ed ancora, vostro malgrado - ed anche Suo, Illustre Signor Emerito Presidente, se Lei mi consente - resiste ed anzi ha sempre di più conquistato l'Italia che conta, l'Italia che non vi vuole più, l'Italia che oggi, Lei lo sa, non segue più - se per caso le avesse mai seguite, Signor Presidente- le sue parole o quelle dei suoi sodali. Oggi la vostra lobby cattocomunista segue le parole di qualcun altro. Ora una prostituta, ora un mafioso, ora un pentito, ora un cantante, ora una donna cannone, ora qualche comicante . E in Parlamento, dove Lei siede come Senatore a vita e dove - purtroppo - anche vota ( chissà perchè Lei deve avere questi privilegi se nessuno del popolo l'ha mai votata?), ha un nome ed un cognome: Antonio Di Pietro.


Richiesta ai Magistrati


Silvio Scaglia, identico a Sandro Frisullo, nella sua situazione processuale, per i Magistrati resta ancora in carcere, perchè secondo i Magistrati, " non poteva non sapere". Invece Sandro Frisullo, compagnuccio, è già andato a casa, ai domiciliari. E questo blog ne è contento. Siccome però questi Magistrati affermano che Scaglia , invece, deve restare in carcere " perchè può ripetere i reati" e posto che per ripetere i reati dei quali è accusato avrebbe bisogno di essere ancora Presidente di Fastweb ( e non lo è da tempo), avrebbe bisogno di lavorare ancora nella stanza dei bottoni ( e ne sta invece completamente fuori ) , posto che i reati attribuitigli risalgono ad anni orsono, ripeto ai Magistrati la stessa domanda che pongo loro da due mesi: perchè Scaglia sta ncora in carcere? E ricordo loro che la Costituzione Italiana, che loro tengono sottobraccio e che io invece lascio sempre ben aperta sulla scrivania , non consente l'utilizzo del carcere preventivo come una tortura. Nessuno risponde? Nessuno fa girotondi? Nessuno invoca la libertà di turno? Bene, così si qualificano tutti e da soli.