Gaetano Immè

Gaetano Immè

domenica 29 maggio 2011

UN COMICO DI NOME P.L. BERSANI

Dalla scorsa settimana, quella delle votazioni amministrative perr intenderci, assisto ad uno spettacolo comico da sganasciarsi dal ridere, con un capo comico, veramente degno erede di un Proietti . In realtà si tratta di Bersani, di P.L. Bersani il quale dalla scorsa settimana recita la parte principale in una commedia comica dal titolo antico " E Pippo Pippo non lo sa, che quando passa ride tutta la città.....!" Bersani è il Segretario del PD e, alle elezioni amministrative, il suo partito ha perso un sacco di voti, oltre centomila, ma il capocomico mette in scena, per i lobotomizzati adepti , uno spettacolino "de periferia" dove con fare da pura oca giuliva starnazza  sempre  " ho vinto, ho vinto!!!". Siccome Bersani è a capo - almeno, così dicono , ma io ho delle grosse riserve in merito -  di un partito come il PD che dovrebbe essere importante nella vita istituzionale italiana ( importante certo, ma nè serio nè decisivo)  allora capisco tutto. Bersani crede che il Bari abbia vinto ques'anno  lo scudetto, che Carlo Ancelotti sia dimagrito, che Saviano sia uno scrittore, che Santoro sia un giornalista " ingaggiato" dalla RAI. Bersani è  dunque così ignaro della realtà, che scambia le botte prese per quelle date, come un bambino. Tanto per dire: dice " abbiamo vinto noi", perché Pisapia a Milano ha ottenuto una maggioranza su Moratti e perché De Magistris, a Napoli, ha avuto un exploit considerevole, ma non si capisce perché dica " abbiamo vinto noi!" Non solo perché ancora nessuno ha vinto o perso, ma perché - forse Bersani è vittima di qualche amnesia - a Milano il suo PD  è stato sbaragliato ( suo candidato Boeri , trombato)  dal SEL di Pisapia, con il quale il PD dunque non c'entra proprio niente. Idem a Napoli, dove il suo PD candidava altri , proprio come a Milano,beccandosi un manrovescio in bocca, tanto che mentre è sparito il candidato sindaco di Napoli propostodal PD, ha trionfato proprio quel De Magistris la cui IDV ha praticamente lanciato un'OPA sul PD onde rilevarlo ed annetterlo, come una depandance. Ma Bersani ha deciso di esagerare, così svanvera che Pisapia e De Magistris sono " il nuovo che avanza". A me risulta che Pisapia con la sua SEL sia una cariatide politica proveniente da Rifondazione Comunista, quel movimento che nel 2008 fu cacciato dal Parlamento tanto era inaffidabile e che De Magistris a Napoli  altro non sia che una scandalosa e preoccupante continuità con le follie del centrosinistra bassoliniano, perché l'IDV di De Magistris è stata parte attiva della Giunta Bassoliniana e poco incide il fatto che l'IDV abbia lasciato la giunta a pochi giorni dalla consultazione. Ma quale nuovo che avanza! De gustibus non est sputazzandum.

Caso Napoli

C’è una strategia che all’uomo di strada sfugge  e che i " giornali altamente democratici " si guardano bene dall'evidenziare: de Magistris, ritengo senza esserne al corrente e senza certamente cercarne l’appoggio, riceve voti da ambienti vicini alla camorra. Quest’ultima, in un’ipotesi non reale ma quantomeno ipotizzabile, voterebbe a sinistra per evitare che venga eletto e premiato Lettieri, uomo del Pdl, quindi di Berlusconi.

La camorra (al pari di mafia e ’ndrangheta) non perdona infatti al governo i tanti arresti, sequestri di beni di provenienza mafiosa e, soprattutto, non aver lavorato ad un’amnistia generale. Così de Magistris potrebbe vincere sorprendentemente la poltrona da sindaco di Napoli. Ma ad appoggiare de Magistris ci sono anche altri nemici del Cavaliere, è il caso di Futuro e libertà per l’Italia: il partito di Fini appoggia l’uomo dell’Idv, soprattutto a Napoli è forte l’intesa tra i futuristi Italo Bocchino e Fabio Granata. I due vertici nazionali dell’Idv hanno pattuito con de Magistris l’intesa su Napoli, in cambio de Magistris ha offerto la presidenza del Consiglio comunale a Raimondo Pasquino (uomo di Fli trombato alle amministrative).Con de Magistris sindaco si avvantaggerebbe anche Roberto Saviano: infatti lo scrittore verrà coinvolto con ruoli culturali nella futuribile giunta. Lo scrittore di Gomorra ha pubblicamente dichiarato di appoggiare de Magistris al ballottaggio. E de Magistris lo ha coinvolto al pari del professor Pasquino. E poi come potrà de Magistris estromette dalla sua gestione i vari pezzi della sinistra napoletana, in un recente passato collusi con le cattive gestioni prima di Bassolino e poi della Jervolino. Certamente l’appoggio del Pd nei ballottaggi avrà pure un prezzo, quanto meno la promessa di non creare forti discontinuità con le precedenti gestioni.

Caso Milano
 
Per Milano , spiegare come sia potuto accadere che Pisapia possa aver superato la Moratti non è semplice nè comodo. Ma anche per Milano c'è una spiegazione che sfugge non solo al così detto uomo di strada, ma anche ai soloni commentatori, ai giornali altamente democratici, ai ricchi imbecilli che votano Pisapia del quale non conoscono il programma - Pisapia è scappato come un coniglio davanti al confronto  Sky 24 di Carelli conla Moratti faceno una figura di merda di notevole portata - solo per un sentimento viscerale di antiberlusconismo d'accatto. Mi rivolgo al ardinale Tettamanzi, nell'occasione, proprio a lui. Perché le sue uscite a sostegno di Pisapia non hanno una logica. Com'è possibile che la Chiesa si schieri così smaccatamente con chi vuole combattere i principi ecclesiali? 'è una sola risposta, che è anche l'esame del voto di due domeniche fa per Pisapia.  Quel caso che forse si sarebbe potuto evitare se invece   di dedicarsi alla politica,  le autorità ecclesiastiche avessero pensato più alla morale. Tanto attivismo politico da parte di certi ambienti ecclesiastici è solo una cortina fumogena per nascondere il drammatico caso del prete pedofilo di Genova.Quel caso che forse si sarebbe potuto evitare se invece della politica le autorità ecclesiastiche avessero pensato più alla morale.. Cacciando per tempo ed a calci in culo i ben conosciuti e noti Giuda escariota del " sinite pargulos venire ad me ”.
 
Cannigione Domenica 29 maggio 2011
 
Gaetano Immè

Nessun commento:

Posta un commento