Gaetano Immè

Gaetano Immè

sabato 11 ottobre 2014

MINEO, TOCCI, CUPERLO, CIVATI, BERSANI, FASSINA, CASSON E MASNADA VAIASSA . TANTO RUMORE PER LA SOLITA SCENEGGIATA Tutto questo agitarsi per un Jobs Act – astenersi o scappare dall’aula al voto , belli de mamma, è solo viltà intellettuale, disonestà allo stato puro e cristallino -, tutto sto casino dei Mineo, dei Tocci, dei Cuperlo, dei Civati, dei Bersani, dei Fassina, dei Casson, ecc. insomma del P.D. rimasto Pci , solo per ingannare la gente dipingendosi “indipendenti , liberi, autonomi e capaci di ragionare col proprio cervello e di votare secondo il proprio di cervello ” – come impone, mi pare, la Costituzione ad ogni parlamentare, quella stessa Costituzione che questa masnada di melense prefiche afferma di “ adorare” ma sulla quale, quando ne riceva l’ordine dal “ suo padrone”, orina e defeca in quantità industriale - è la solita meschina “ammuina” “pe fasse vede quanto so bravi“. Scusate la franchezza ma ci avete proprio rotto i coglioni: è dal 1953, altro che imputarmi oggi di “ benaltrismo”, che ci scassate i gabbasisi truffando, continuativamente e sfacciatamente , il popolo che vi vota. Siete solo delle meschine comparse in una sceneggiata di Mario Merola, tipo “ Felicissima sera, a tutte ‘sti signuri ‘ngravattat”. Col vostro culo sempre più inchiavardato a quella sedia parlamentare – e sopra tutto ai suoi privilegi come “il potere”, “ i vitalizi”, “ le prebende”, “i cerchi magici “ , ecc. tutta robaccia che voi “fate finta” di combattete, all’eroico grido di “ Armiamoci e partite!” – dove siete arrivati non solo senza alcun vostro merito, ma solo perché siete stati leccapiedi e lacchè della nomenclatura del vostro partito e giammai per investitura popolare , fate pure “ la mossa”, come Celentano il molleggiato, di dimettervi da “ incipriati cicisbei del cerchio magico ” quando siete ben consapevoli che “er padrone” non vi caccerà mai perché difficile trovare “altri devoti e servili soldatini” come voi . Col vostro sculettamento da vaiasse dietro al Jobs Act ed all’articolo 18 volete solo inchiappettarvi, ancora una volta e sempre a sangue , il popolo rozzo che vi vota ancora , ma che non deve sapere quello che “ er padrone P.D.” gli sta cucinando. “Popolo informato, suo controllo sfumato” diceva il saggio Stalin. Sta tornando il vero Pci originario, quello di lotta e di governo della Prima Repubblica ed il Pds – Ds - Pd , sempre di lotta e di governo del 2006 . Siete quasi come Gesù, non “ trini” come lui , ma “ bini” come Giano e come Giuda Iscariota , una faccia a Palazzo Chigi, l'altra in piazza con Landini, Camusso, Sel e quant’era bella e dura la mia CGIL. Una farsa comoda come recitare due parti in commedia, munifica per voi, ma tragica per gli italiani tutti che ne sono vittime secolari. Nella cucina segreta del Nazareno il menù è pronto. Volete cominciare con l’esautorare anche il Parlamento ( il Senato è bello che cucinato, ormai, fatto spezzatino ), ormai soffocato sotto la dittatura del vostro partito. State trasformando la sede del vostro partito in un organo della Costituzione ( sempre quella “ più bella del mondo) con il tacito consenso di Giorgio Napolitano che della vostra “ azienda politica” è sempre stato un Direttore Generale , ma guai a gridare al “ conflitto di interessi”, c’è pronto un Magistrato col vilipendio in canna. State “ asfaltando” i luoghi istituzionali della democrazia e realizzando un grumo antidemocratico, un accentramento dei poteri nelle sole mani del premier. State moltiplicano i luoghi di decisione politica esterna, svicolando dal Parlamento : il Patto al Nazareno, un discorso alla Direzione del Pd, un incontro con Draghi, un incontro con Berlusconi a Via del Plebiscito. State edificando una deriva antiparlamentare , col ricorso “ alla fiducia”, col ricorso alla “legge delega” , trasferendo sempre più il potere legislativo dal Parlamento al Governo, a Palazzo Chigi, alla Sede del Nazareno, a casa Renzi . Ma voi tutti zitti, allineati e coperti, basta che il popolo che vi vota non se ne accorga. Il popolo va erudito a dovere e voi , così “ democratici” , così orgogliosamente civatiani ma quando mai avete sentito il dovere di adeguare la Costituzione legale a questa reale. Non sia mai che chi vi vota si renda conto di quello che gli state tramando ai suoi danni. Creando in primis un regime di premierato forte: l’analisi politico – costituzionale dei messi passati sotto l’attuale Governo, ci consegna un’inedita trasformazione del ruolo del Presidente del Consiglio, a Costituzione assolutamente invariata e in discontinuità con le esperienze degli Esecutivi precedenti e con le relative prassi costituzionali. Il P.D., ha praticamente “imposto” , anche per esiguità di opposizione, un processo di rafforzamento del ruolo del Premier – nel quadro del nefasto ritorno alla devozione alla sua figura - che avete realizzato , con modifiche della legislazione ordinaria, imputando alcune funzioni (dapprima allocate o presso il Consiglio dei ministri o presso i singoli Ministri - in capo al Presidente . Preferisco il presidenzialismo , una volta approvato e costituzionalizzato. Il P.D. vuole invece un premierato forte? Basta dirlo con chiarezza e con lealtà , che lo sappia anche il popolo che vi vota, proponendo e promuovendo le riforme costituzionali adeguate. Io dissento con fermezza da questo piatto che vorreste propinarci , lo considero una schifosa forma dittatura non avallata da alcun voto popolare “imposta” con mezzi coercitivi di stampo fascista ( vedi Italicum o premio di maggioranza) , ma potrei arrivare anche a turarmi il naso e a non contrastarlo se almeno qualcuno di voi mi convincesse che produrrebbe qualcosa di positivo per il Paese. La dimostrazione della vostra profonda ed inesauribile “irrilevanza intellettuale” e della vostra servile prostrazione “ ar vostro padrone dove uno solo regna incontrastato sulle vostre coscienze e menti ” sta nel fatto che nel Jobs Act non è contenuto alcun accenno all'articolo 18, e dunque non c'è delega che tenga, non se parlerà più. E allora perché andate in piazza contro ciò che in fondo premia i conservatori della Cgil? Logico: mettete in scena la solita “ammuina”, la solita commedia “dell'apparenza” ,per ingannate il popolo con imbrogli linguistici e usando il richiamo della foresta ( la violenza della piazza e le minacce di Landini ) come arma di ricatto e di intimidazione contro un potere che però è tutto nelle mani del vostro stesso padrone del quale state al guinzaglio . State avallando Il becero e talebano “ritorno al medioevo”, al puro stalinismo che consiste nell’afferrare con qualsiasi mezzo il “potere” perché dopo la sua conquista quel potere consentirà di applicare un programma di governo. La vostra farsa è semplicemente il “ corrispettivo” ( periodico) che state pagando al padrone quale prezzo o pizzo per la vostra poltrona in Parlamento. Con le vostre “ sculettate” da vaiassa sul Jobs Act, voi cercate di evitare che il popolo si renda conto che voi state avallando una inesistente guerra contro il terrorismo islamico del Califfo, combattuta solo ma voce dal vostro padrone, durante inginocchiate interviste televisive, senza mai specificare se interveniamo in guerra o no. Volete evitare che il popolo ragioni sul caso della Libia , su quello della Finmeccanica in India, sulla faccenda dei due soldati italiani ivi detenuti da qualche anno, sulla vostra ignobile sudditanza ad Obama ed agli Usa nel farci nemica la Russia applicando sanzioni che saranno pagate non da Putin , non dagli americani ma dagli italiani . Voi siete dei lacchè al servizio di una visione dell’universalità del mondo ridotto alla “velina” di casa Renzi , di Palazzo Chigi e di Largo del Nazareno. Voi sculettate come vaiasse per distrarre la gente, perché ben sapete come su tali argomenti così gravi per il nostro destino di popolo, non si potrebbe evitare di dare voce a quel Parlamento che voi, invece, state disciogliendo nell’acido solforico delle vostre “vaiassate”. Dare voce al Parlamento mentre lo state disintegrando? Ex comunisti sì, ma proprio cretini totali non credo. Il fatto è che voi sculettate ma siete dei “ dead men walking”, anime morte suddite ad un partito che vi tiene a catena col collare ferreo del vincolo di mandato; il che, come in ogni schiavitù vi induce alla rancorosa vendetta , che voi vi ostinate a contrabbandare come fosse una ribellione, ogni volta che potete sfruttare l’ombra ,il segreto, l’opacità, come andate facendo ad esempio con lo squallido e triste vostro ricatto della mancata elezione dei giudici della Consulta. Ma non cavate un ragno dal buco, morti restate perché voi non avete alternative , come cercate di imbrogliare con fighe dall’aula, con astensioni ed altre vigliaccate. Renzi ha ragione da vendere quando, a Bersani e D’Alema che ardiscono pure protestare per l’andazzo odierno , li umilia rinfacciando la loro grande parte di responsabilità in merito . Spettacolo miserabile che solo questa Italia inchiodata al passato è capace di offrire al mondo. Perché non funziona così nelle altre parti del mondo rette da un sistema democratico. Per esempio in un regime presidenziale per eccellenza, come quello statunitense, i parlamentari hanno un incomparabile potere di condizionare le scelte dell’esecutivo. Perfino a Westminster le ribellioni in Aula sono all’ordine del giorno. Perfino in Germania la Merkel ha dovuto spesso ricorrere ai voti dell’opposizione per resistere alle defezioni interne della sua maggioranza. Istituti come la sfiducia costruttiva, sistemi elettorali basati sul collegio uninominale, o anche un presidenzialismo dotato di “controlli” e “ contrappesi” , consentono di avere insieme governi autorevoli e Parlamenti liberi. Se la smetteste di fare smargiassate inutili, di comportarvi da vaiasse sculettanti per fare contento il vostro padrone, ci potremmo fare un pensiero comune. Le cose basta capirle. E poi essere anche liberi di volerle.

Nessun commento:

Posta un commento